Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"A 10 anni ha la rinite da un mese"

Mio figlio, di 10 anni, dopo un brutto raffreddore trattato con lavaggi nasali e spray al cortisone ha iniziato pur col naso libero ha tirare su di continuo e questo va avanti da un mese. Quale potrebbe essere la causa?

Una rinite che dura da più di 6 settimane si definisce cronica. Le cause principali sono di tipo allergico, ostruttivo, oppure la cronicizzazione di una rinite acuta virale, batterica o fungina non del tutto guarita. Altre cause congenite di rinite cronica sono più rare e già note all’età di suo figlio (ad esempio deviazione congenita del setto nasale, fibrosi cistica). Le allergie possono insorgere a qualsiasi età e spesso hanno un andamento stagionale, sono accompagnate da frequenti starnuti, prurito o fastidio al naso e hanno una secrezione sierosa, limpida. Le ostruzioni da corpo estraneo sono più facili nel bambino piccolo. La rinite acuta che si complica e cronicizza può capitare a qualsiasi età, anche in persone del tutto sane. La secrezione nasale è spesso giallastra, a volte francamente purulenta, maleodorante. La diagnosi eziologica è importante perché da questa dipende la terapia più opportuna. Le consiglierei quindi una visita dal suo pediatra curante o da un otorino.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su