RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Vaccino antimeningococco e gravidanza"

Sto allattando ancora la mia bambina di 8 mesi e quindi ancora niente mestruazioni. Ho rapporti non protetti perché una gravidanza non sarebbe un problema, anzi. Ieri mi sono sottoposta alla prima dose di vaccino antimeningococco B. Mi hanno chiesto se fossi incinta e di evitare di esserlo per il prossimo mese per evitare danni al feto dovuti al vaccino. Sono cascata dalle nuvole perché non sapevo questo. Lei cosa ne dice?

La vaccinazione contro il meningococco B è utilizzata per la prevenzione della meningite provocata da un tipo particolare di meningococco, la Neisseria meningitidis. Questo vaccino protegge contro la grande maggioranza dei ceppi di meningococco B, ma non contro la totalità. Va peraltro ricordato che la meningite può essere indotta anche da altri gruppi di meningococchi, A - C - W135 - Y, e che per ognuno di questi sono disponibili specifici vaccini, incluso un vaccino tetravalente, cioè capace di vaccinare contro questi quattro gruppi insieme. Non sono disponibili dati estesi sull’uso del vaccino contro il meningococco B in gravidanza. Siccome, analogamente agli altri vaccini contro gli altri gruppi di meningococco, si tratta di un vaccino inattivato, cioè costituito da particelle inattive del microrganismo originale, nessuno di questi vaccini è controindicato in gravidanza.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su