Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Uva ursina durante una gravidanza iniziale"

Tempo fa assunsi 30 compresse fitoterapiche uva ursina, cranberry, bioflavonoidi, semi di pompelmo, betulla ed equiseto (3 al giorno per 10 giorni consecutivi per un totale di 6 grammi di e.s. foglie di uva ursina) per curare una presunta cistite. In quel periodo avrei potuto aver concepito da circa 4 giorni). In seguito il ciclo arrivò ma un po' diverso dal solito. Può dunque quella quantità di e.s. foglie uva ursina aver causato un aborto a impianto appena avvenuto o aver impedito l'impianto nell'utero dell'ovulo fecondato?

È molto difficile dare una risposta ragionevole. L'uva ursina è controindicata in gravidanza in quanto può essere tossica per il feto, mentre il cranberry, la betulla e l'equiseto non dovrebbero dare problemi. Difficile esprimersi sui semi di pompelmo per mancanza di dati scientifici probanti. Quindi potrebbe aver avuto un aborto causato dall'uva ursina, ma ripeto il condizionale è assolutamente d'obbligo.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su