Pubblicità

Tumore della prostata, riconoscerlo non è sempre facile

Ecco i passaggi verso una diagnosi corretta e gli ostacoli che si possono incontrare.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Diagnosi di carcinoma prostatico

La diagnosi del cancro alla prostata non può basarsi solo sul test del PSA. Ecco quali sono i passaggi verso una diagnosi corretta e gli ostacoli che si possono incontrare.

Quello della prostata è il tumore più frequente fra gli uomini che hanno superato i 50 anni di età. Nel 2013 le nuove diagnosi sono state ben 36 mila, ma in realtà riconoscere la sua presenza non è sempre un'impresa semplice.

Mancanza di prove

La prima difficoltà risiede nel fatto che solo nelle fasi più avanzate il tumore della prostata si manifesta con chiari sintomi, come problemi a urinare, presenza di sangue nello sperma o nelle urine, dolore alla parte bassa della schiena, a livello delle anche o delle cosce, fastidi al basso ventre, dolori alle ossa e disfunzione erettile.

Spesso, invece, gli stadi di sviluppo più precoci sono asintomatici. Ciò rende più difficile quella diagnosi precoce auspicabile se si vogliono aumentare le probabilità di successo dei trattamenti.

Per questo motivo alcuni esperti ritengono che sia importante, dopo i 50 anni, che anche gli uomini sani si sottopongano al cosiddetto screening per il tumore della prostata, di cui il test del PSA rappresenta parte integrante.

Risultati ambigui

Il PSA (l'antigene prostatico specifico) è una molecola prodotta naturalmente dalla prostata. In presenza di un tumore in questa ghiandola le sue concentrazioni nel sangue possono aumentare rispetto ai valori considerati nella norma, inferiori a 4,0 ng/ml.

Tuttavia ciò non significa che livelli di PSA superiori a 4,0 ng/ml indichino necessariamente la presenza di un cancro. Infatti anche altri problemi alla prostata, come prostatiti o ingrossamenti, ma anche infezioni alle vie urinarie, possono portare a un aumento del PSA nel sangue. I problemi non finiscono però qui.

Capita, infatti, che alcune forme aggressive di tumore della prostata non siano associate a valori di PSA superiori a 4,0 ng/ml. Non solo, alcuni farmaci possono interferire con il test del PSA, portando a rilevarne valori inferiori rispetto a quelli reali.

Per questo motivo il test del PSA dovrebbe essere sempre abbinato all'esplorazione digitale rettale. Solo combinando i risultati di queste due analisi il medico potrà decidere se è il caso di approfondire gli esami.

Test più approfonditi

Le analisi successive possono includere un'ecografia e una biopsia, che in genere fornisce la conferma o la smentita definitiva della presenza del cancro.

Tuttavia anche le biopsie possono dare risultati sospetti. Si tratta dei casi in cui le cellule della prostata non sembrano sane, ma non hanno nemmeno l'aspetto di cellule tumorali: la neoplasia intraepiteliale prostatica, la proliferazione acinare atipica e l'atrofia infiammatoria proliferativa.

Queste condizioni non sono necessariamente associate a un tumore della prostata e a volte, in particolare le neoplasie intraepiteliali di basso grado, vengono gestite come se il tumore fosse assente; altre volte sarà necessario sottoporsi a nuove biopsie.

Ciò che appare chiaro è che la diagnosi di tumore della prostata non può basarsi solo su un semplice esame del sangue.

Silvia Soligon

CONSULTA IL DOSSIER "PROSTATA"
VIDEO

Le patologie della prostata

Patologie della prostata

Prostata, ecco i consigli di Sergio Bracarda, responsabile del Centro oncologico dell'Ospedale San Donato di Arezzo, per mantenerla in salute e per identificare precocemente eventuali patologie.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Il menù salva prostata

  • Prostata frutta e verdura

    Frutta e verdura

    La prima regola per seguire una dieta salva prostata è mangiare ogni giorno almeno 2 o 3 porzioni di frutta e verdura, più o meno la quantità contenuta in una tazza.

  • Prostata fibre

    Fibre alimentari

    Essenziale anche l’apporto di fibre: è stato dimostrato che introdurne ogni giorno 30-35 grammi aiuta a mantenere la ghiandola in salute.

  • Prostata legumi

    Legumi

    Per migliorare l’apporto di fibre alimentari e garantire anche un introito di isoflavonoidi, che alcuni studi indicano come preventivi per diversi disturbi della prostata, si possono consumare i fagioli, ceci e gli altri legumi.

  • Prostata zucchero

    Zuccheri raffinati

    Gli zuccheri raffinati mettono a rischio la salute della prostata, soprattutto se assunti in eccesso. Meglio andarci piano quindi con i dolci e con le bevande zuccherate.

  • Prostata olio di oliva

    Olio di oliva

    Alcuni studi hanno evidenziato che chi consuma prevalentemente olio di oliva, rispetto a chi invece predilige i grassi di origine animale come il burro, corre un rischio minore di andare incontro al tumore della prostata.

  • Prostata te verde

    Tè verde

    Secondo alcune ricerche scientifiche sembrerebbe che il tè verde, ricco di antiossidanti, sia in grado di proteggere la prostata dall’insorgenza del tumore.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su