Pubblicità

Trombosi

Quando in un'arteria o in una vena si forma un coagulo, il vaso sanguigno si può ostruire.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Trombosi sintomi terapie

Che cos’è

Per trombosi si intende la formazione all’interno di un vaso sanguigno di un coagulo di sangue: il trombo. Quest’ultimo è costituito da fibrina, piastrine, globuli rossi e bianchi.

Il trombo si può formare in qualunque parte del sistema circolatorio e, quando si sviluppa, può ostruire il vaso, bloccando il normale flusso di sangue.

Esistono due tipologie principali di trombosi:

  • trombosi venosa, quando il coagulo si forma all’interno di una vena;
  • trombosi arteriosa, quando il coagulo si forma all’interno di un’arteria.

Classificazione dei trombi

Oltre al tipo di vaso in cui si formano, è possibile classificare i trombi in base alla loro composizione e alle loro dimensioni.

Per quanto riguarda la composizione si distinguono in:

  • Trombi bianchi: sono formati da piastrine, fibrina, pochi globuli rossi e bianchi. Si sviluppano in genere nelle arterie, in cui la velocità di scorrimento del sangue non consente al trombo di catturare globuli rossi;
  • Trombi rossi: sono formati da piastrine, fibrina ed elevate quantità di globuli rossi e bianchi. Si sviluppano soprattutto all’interno delle vene, a causa del flusso ematico più lento;
  • Trombi variegati: presentano un’alternanza di zone chiare e rosse, che rispecchia momenti di bassa velocità del flusso ematico (in cui il trombo ha inglobato globuli rossi) e momenti di alta velocità del flusso.

In base alle dimensioni si distinguono in:

  • Trombi ostruttivi, che occludono l’intero vaso;
  • Trombi parietali, che occludono parzialmente il vaso;
  • Trombi a cavaliere, posizionati a ‘cavallo’ di una biforcazione vascolare.

Cause della trombosi

A causare la formazione di un trombo è un’alterazione dell’equilibrio che regola la coagulazione del sangue.

Il processo coagulativo è regolato da una cascata di molteplici reazioni chimiche a cui partecipano diversi elementi del sangue, tra cui le piastrine e la vitamina K.

Di conseguenza, all’origine della trombosi possono esserci innumerevoli fattori scatenanti. I più frequenti sono:

  • danno endoteliale (l’endotelio è la parete interna dei vasi sanguigni)
  • stasi o turbolenza del normale flusso di sangue
  • ipercoagulabilità del sangue

In genere, nelle trombosi arteriose e cardiache prevale il danno endoteliale (causato da un fenomeno di aterosclerosi) e la turbolenza del flusso. Al contrario, nei trombi venosi gioca un ruolo fondamentale la presenza di stasi del sangue.

Conseguenze della trombosi

L’occlusione di un vaso sanguigno arterioso impedisce alle sostanze nutritive e all’ossigeno di raggiungere i tessuti irrorati da quel vaso, causando così un fenomeno chiamato necrosi (infarto) del tessuto stesso.

Può succedere che un trombo “nasca” in un certo punto del sistema circolatorio, per poi spostarsi con il sangue e andare a occludere un vaso lontano dal luogo d’origine.

Prevenzione della trombosi

Sono parecchie le cose che si possono fare per prevenire lo sviluppo di un trombo. Anzitutto migliorando le abitudini alimentari, facendo più attività fisica, smettendo di fumare.

Anche se è vero che in questa patologia c’è una componente familiare importante, e quindi una sorta di predisposizione genetica, è vero anche che gli stili di vita possono fare molto in termini di prevenzione.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Panciroli Claudio Panciroli
Cardiologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "CUORE"
VIDEO

Infarto: l'importanza degli stili di vita

Infarto stili di vita

Il parere di Alessandro Sciahbasi, Cardiologo al Policlinico Casilino di Roma sull'importanza dello stile di vita.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su