Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Trattamento dell'acne in caso di pelle mulatta"

Sono una ragazza di 18 anni con pelle mulatta e soffro di acne sul viso e sulle spalle all'altezza delle scapole. Un dermatologo mi ha sconsigliato il peeling, in quanto sostiene essere inefficace e deleterio su pelli nere, nel senso che potrebbe creare macchie ancora più scure o al contrario troppo chiare, e mi ha invece consigliato una pillola esfoliante per via sistemica del tipo acido A retinoide o simile, da assumere unitamente a pillola anticoncezionale. Un altro dermatologo ha detto invece che anche sulla mia pelle potrebbe funzionare un peeling con acido gricolico, in quanto, a suo parere, tra pelli bianche e nere non c'è differenza. Lei cosa ne pensa?

Per fornire indicazioni più precise bisognerebbe specificare meglio il tipo di acne in questione: comedonico, pustoloso, cistico, conglobato ecc.: la relativa terapia può essere diversa anche senza ricorrere a peeling o acido retinoico (anch'esso presenta controindicazioni ed effetti collaterali). L'acido glicolico può essere usato a concentrazioni variabili per meglio adattarlo alle caratteristiche della cute da trattare: vi sono prodotti a basse concentrazioni (15-20%) che si possono applicare con relativa sicurezza e seguendo precise indicazioni, ma, ripeto, è necessario valutare il quadro clinico con accuratezza.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su