Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Telogen effluvium in un giovane di 20 anni"

Tutto è iniziato con una cura di isotretinoina per la seborrea a mio figlio 20 anni. Dopo un diratamento dei capelli su tutto il cuoio capelluto gli è stato diagnosticato un telogen effluvium. A oggi è passato un anno, e nonostante la cura con minoxidil al 5 % e integratore siamo ancora qui. Le volevo chiedere quanto tempo può durare il TE in un giovane, se può essere reversibile e se il minoxidil è indicato.

Terminato il periodo di crescita del capello (fase anagen), il bulbo pilifero cessa la sua attività (fase katagen), pian piano si stacca dalla base del follicolo e il capello cade: è la fase telogen, cui segue, dopo un periodo variabile di quiescenza, la formazione di un capello nuovo. Possono trascorrere mesi tra la fine di una fase anagen e l’inizio di quella successiva. Nel telogen effluvium si verifica una massiccia caduta di capelli in questa fase, superiore al centinaio di capelli che cadono ogni giorno. Diverse sono le cause di questo disturbo: situazioni di deperimento organico, anemie, il post-parto, malattie infettive, stress, determinati farmaci. Quando queste condizioni si risolvono anche il telogen effluvium in genere regredisce. Il fatto che a distanza di un anno dalla sospensione della terapia indicata la situazione non sia cambiata, pone il sospetto che siano entrati in gioco altri fattori, come ad esempio quelli responsabili di un’alopecia androgenetica. Prima di ricorrere a trattamenti di sostegno sarebbe opportuna una visita specialistica.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su