Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tagli ricorrenti a livello vaginale con prurito intenso"

Da quando ho 15 anni (ora ne ho 20) soffro di un problema a livello vaginale: tra le grandi e le piccole labbra mi si creano dei tagli longitudinali, uno o più per lato. Nei casi più gravi anche il clitoride viene interessato. La comparsa dei tagli è costante nel tempo, non dipende dalla stagione, dalla dieta o dalla vita sessuale. I tagli a loro volta portano come conseguenza un intenso prurito. In questi anni ho provato più cure; l'unica cosa che mi dà sollievo è una pomata con isoconazolo e cortisonico. Seguo tutti gli accorgimenti possibili (intimo di cotone, detergenti che rispettino il pH, creme allo zinco, dieta sanissima). Non so davvero più cosa fare.

La situazione descritta pare complessa, e potrebbe configurarsi in molte patologie vulvari, dalla micosi alla dermatite allergica o da contatto. Spesso sovrapporre varie cure distorce la possibilità di una diagnosi accurata, e ciò potrebbe avere creato difficoltà ai ginecologi che l'hanno visitata. È perciò necessaria una consulenza in un centro specializzato in patologia vulvare, solitamente presente in ospedali medio-grandi, ove sia possibile attivare anche esami specialistici in grado di aiutare la diagnosi.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su