Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Spotting dopo estrogeni vaginali"

Ho 54 anni in menopausa da circa tre anni. A causa di una secchezza vaginale trascinavo da tempo circa 4 settimane fa ho cominciato la terapia con estrogeni locali in compresse e crema. Tutto bene fino a ieri quando ho cominciato a sentire gli stessi sintomi di quando avevo il ciclo (dolore ai reni, tensione mammaria ecc.) Ma quello che più mi ha preoccupato è stato un piccolo spotting nella giornata di ieri, oggi già scomparso. Questo spotting e questo malessere identico al ciclo può essere una conseguenza degli ormoni somministrati? Preciso che prima di cominciare questa terapia ho fatto gli esami opportuni (come pap test, tampone, mammografia e ecografia) tutto negativo.

È in effetti abbastanza probabile che i sintomi e segni descritti siano in relazione con la terapia ormonale locale intravaginale. Va ricordato che la risposta a stimoli ormonali locali come quelli con i farmaci descritti può comunque avere una variabilità individuale piuttosto importante, per cui vi sono donne che semplicemente migliorano il trofismo vaginale e altre in cui lo stimolo può risultare più abbondante e portare a congestione delle mucose anche livello di cervice uterina e a sensazioni di tipo simil mestruale, per un modesto assorbimento generale del farmaco. Ovviamente se il sanguinamento persiste è corretto avvisare il proprio medico o il ginecologo. Peraltro la stessa condizione di atrofia vaginale, cui si accompagna la secchezza vaginale, può essere causa di sanguinamento, in particolare dopo un rapporto sessuale.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su