Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Sospensione della pillola, ritardo del ciclo e prolattina elevata "

Ho una domanda da fare: ho preso la pillola, sotto prescrizione medica, per circa 2 anni. Ho sospeso cinque mesi fa da sola e senza consiglio medico. Il ciclo nei tre mesi successivi mi è arrivato sempre con 5-6-7 giorni di ritardo. Oggi ho ritirato l'esito delle analisi del sangue e ho il valore della prolattina pari a 162, sono un po' preoccupata. Credo dipenda anche dal fatto che sta per arrivare prossimo ciclo. Ma cosa pensa sia meglio fare?

I valori della prolattina subiscono variazioni periodiche, per esempio aumentano durante le ore di sonno oppure a livello del periodo periovulatorio o, ancora, durante la gravidanza o l’allattamento. Ma possono essere influenzati anche da varie condizioni come lo stress, gli ipotiroidismi, l’uso di alcuni farmaci e la policistosi ovarica. Un valore della prolattina elevato (>100 mg/l) va comunque considerato con attenzione e va ricontrollato. Sono necessari almeno due valori elevati per ritenere necessario consultare un endocrinologo per gli opportuni approfondimenti, che possono implicare anche valutazioni neuroradiologiche, atte a verificare la presenza o meno di un prolattinoma. Sarà poi l’endocrinologo a stabilire le ulteriori strategie diagnostiche e terapeutiche.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su