Pubblicità

Soffro di intestino irritabile, devo stare attento alla dieta?

La misura principale per combattere l’intestino irritabile è correggere il proprio stile di vita, specie per quanto riguarda le abitudini alimentari. La dieta deve però essere studiata sul singolo, comprendendo un corretto quantitativo di fibre in relazione soprattutto alla presenza preponderante di manifestazioni stitiche o diarroiche. Sicuramente sarà bene per tutti fare attenzione a introdurre un'adeguata quantità di liquidi, misura che nei pazienti con stipsi risulta essere di primaria importanza. Poi, eliminare la caffeina o, per lo meno, ridurla per diminuire l’ansia. Infine, si dovranno evitare o assumere con moderazione gli alimenti che hanno elevata capacità di provocare flatulenza, quali latte e derivati, cipolle, legumi, fagiolini, sedano, carote, cavoletti di Bruxelles e frutta come uva passa, banane, albicocche e frutta secca, prugna. Infine, preferire piatti semplici, mangiare in tranquillità ed evitare i dolci molto elaborati.

Nota per il visitatore

In questa “farmacia virtuale” si trovano le risposte ai quesiti più frequentemente posti dal pubblico ai farmacisti. La correttezza dei contenuti scientifici è validata dalla supervisione di un pool di farmacisti, coordinato dalla Dottoressa Susanna Trave.

Questo servizio ha puro scopo informativo e in nessun caso può costituire la prescrizione di un trattamento, né sostituire il rapporto diretto con il proprio medico curante o una visita specialistica. Per approfondire gli argomenti e per avere risposte mirate a risolvere i vostri specifici problemi si consiglia di chiedere al farmacista di fiducia.

L’allestimento di questa “farmacia virtuale” è realizzato, in ottica di category management, in collaborazione con Bayer Consumer Health.

Torna su