Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Sclerosi laterale amiotrofica: i sintomi"

Ho 39 anni e da un po' di tempo ho diversi disturbi che mi fanno pensare a una Sclerosi laterale amiotrofica (Sla). Quali sono i sintomi della Sla bulbare? Da una rmn con contrasto sarebbe possibile diagnosticarla?

La Sla, o sclerosi laterale amiotrofica, è una malattia degenerativa del motoneurone a eziologia sconosciuta. Colpisce cioè le cellule neuronali che generano gli impulsi atti a contrarre i muscoli e quindi, di conseguenza, a far muovere il corpo. La morte di tali cellule provoca un'atrofia (un "rimpicciolimento") e una ipostenia (cioè una "debolezza") di tutti i muscoli del corpo, progressiva (generalmente in circa 1-2 anni) che generalmente porta anche a gravi complicanze respiratorie (anche i muscoli respiratori sono colpiti). La forma bulbare è una variante di tale malattia, che colpisce inizialmente i muscoli del capo provocando difficoltà nella parola, nella deglutizione e nella respirazione. Successivamente si diffonde a tutto il corpo come nella forma classica. La diagnosi viene fatta tramite esame clinico, Elettromiografia e per esclusione (cioè negatività di altri accertamenti). Il consiglio è dunque di effettuare inizialmente una visita neurologica, in tale sede si valuterà se effettuare ulteriori accertamenti.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su