Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Scelta della pillola, esami da fare e visita ginecologica"

Vorrei sapere in base a cosa viene scelta una pillola contraccettiva piuttosto che un'altra; non avendo un ginecologo nei paraggi vorrei prendere la pillola prima dell'inizio del ciclo. Mi è stato detto che gli esami non sono necessari, ma bisogna parlare con un ginecologo. Cosa ne pensa?

La scelta di una pillola contraccettiva viene fatta in termini generali attraverso una serie di considerazioni che valutano almeno la storia personale e familiare della donna, inclusa la storia riproduttiva e i suoi risultati, le eventuali malattie pregresse o in atto, eventuali altre esperienze di pillola, i desideri della donna. Anche le caratteristiche biologiche della donna sono importanti. Età, altezza, peso, presenza di acne, peluria, pelle grassa, sono tutti elementi importanti. Si capisce perciò che la "semplice" indicazione di un tipo di pillola piuttosto che di un altro tipo segue un algoritmo abbastanza complicato che il ginecologo percorre con la sua cultura e la sua esperienza. In realtà, se la storia personale o familiare non suggeriscono particolari problemi, gli esami per la pillola non servono a nulla. In linea di principio si tende oggi a usare pillole con dosaggi ormonali sempre più bassi, con progestinici antiandrogenici capaci di migliorare l'aspetto estetico della donna, e possibilmente con estrogeni naturali, tali da essere sempre più tollerabili. Prima di usare una pillola per la prima volta parlerei almeno con il medico di medicina generale, se non con il ginecologo.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su