RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Rimozione del tatuaggio con latte materno"

Un conoscente mi ha raccontato di aver rimosso un tatuaggio con il latte materno, iniettandolo utilizzando la macchinetta per i tatuaggi. È davvero possibile che il latte contenga sostanze in grado di togliere i pigmenti senza nuocere alla pelle?

La rimozione di un tatuaggio prevede sempre una lesione cutanea, fisica e/o chimica che sia. La riparazione tissutale che ne consegue è spesso in grado di asportare i pigmenti in tutto o in parte. Se i pigmenti del tatuaggio sono superficiali e distribuiti in modo omogeneo i risultati saranno soddisfacenti con minimi esiti cicatriziali, se invece sono situati in profondità e a livelli differenti, il risultato sarà parziale o incompleto; il trattamento dovrà essere ripetuto o diversificato, aumentando il rischio di danni permanenti.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su