Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Rimedi per una botta sulla fronte"

Questa mattina, come al solito, mi sono alzata dal letto e uscendo dalla stanza, al buio ho preso una teribile botta, con il lato della porta semi-aperta, sull'osso sopraciliare destro. Ho messo subito del ghiaccio per qualche minuto ma non lo sopportavo. Mi dava giramenti di testa. Ho spalmato dell'Arnica gel che tenego in frigorifero e ho assunto Arnica granuli 30 CH monodose (ad ora ne ho prese 3 monodosi). L'arcata sopraciliare e la palpebra superiore sono gonfi e inoltre nella piega della palpebra è diventato viola/bluastro. Cos'altro potrei fare?

Un trauma comporta sempre una rottura di vasi sanguigni superficiali che induce la formazione di un accumulo di liquidi (edema) misti a sangue che giustifica la colorazione scura. Lo stravaso viene drenato in tempi fisiologici: una variazione di colorazione dal blu al giallo fino alla ricomparsa del colore naturale è normale. Lasci il tempo all’arnica di agire aiutando il fisiologico recupero del materiale. Per accelerare i tempi prenda dell’ananas estratto secco e continui l’applicazione di arnica intorno alla zona.


Ha risposto Raimo Renato

Renato raimo

Renato Raimo

Farmacista perfezionato in Fitoterapia, Fitopreparatore

Dal 1992 è titolare di Farmacia. È esperto di Piante medicinali e Omeopatia ed è Fitopreparatore. Laureato alla facoltà di Farmacia dell’Università di Pisa, nel 1992 si perfeziona in Fitoterapia presso la scuola di Perfezionamento dell’Università degli studi di Siena.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su