Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Proteine e carboidrati nello stesso pasto"

Ho letto che ingerire nello stesso pasto proteine e carboidrati non va bene in quanto i succhi gastrici che si attivano per i carboidrati sono diversi da quelli per le proteine e, dunque, si annullano, allungando di fatto la nostra digestione per molte ore. Volevo saperne di più.

Sulla questione della associazione di proteine e carboidrati in uno stesso pasto si è detto molto, ma in realtà si tratta appunto, come già lei sa, di un ritardo nella digestione. Non vi sono prove scientifiche che giustifichino l’eliminazione di queste due nutrienti abbinati. Per esempio, pensi alla pasta e fagioli, un piatto veramente completo e unico che unisce i carboidrati della pasta con le proteine dei fagioli che, seppure meno nobili di quelle della carne, se abbinate alla pasta completano il valore nutrizionale del piatto, tanto buono quanto salutare. La cosa migliore è non esagerare nel condimento e non mangiare altro. Qualche problema in più si può avere invece con le paste ripiene (cannelloni, ravioli, tortellini), sia per un effettivo allungamento della digestione da queste provocato, sia per una densità calorica aumentata dai ripieni, spesso molto ricchi, e anche dai condimenti. Dunque, per non eccedere, basta ridurre la porzione e prima mangiare un'abbondante quantità di verdura poco condita, in modo da non soffrire la fame se si desidera tenere sotto controllo il peso e le calorie. Il tutto condito solo con sugo a base di pomodoro fresco, basilico e olio, niente ragù di carne con i tortellini di carne.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su