Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Prolasso rettale, cure"

Sono un ragazzo di 19 anni e dopo un intenso sforzo nel defecare, mi sono accorto che parte del retto (durante l'evacuazione) fuoriesce all'ano. Per garantirmi una postura corretta e indolore sono costretto a reinserirlo manualmente ogni volta prima di uscire dal bagno. Credo si possa trattare di prolasso rettale non completo. Quali rimedi ci sono?

Il prolasso rettale è caratterizzato dalla fuoriuscita del retto attraverso il canale anale. Si distinguono due tipi di prolasso del retto: il prolasso mucoso, nel quale è la sola mucosa a essere coinvolta e che fuoriesce dall’ano; il prolasso completo o totale nel quale a fuoriuscire dal canale anale è una parte più o meno estesa del retto. Nell'adulto la terapia è esclusivamente chirurgica e ha come scopo quello di eliminare l'eccesso di tessuto, ristabilendo i normali rapporti anatomici. Nella maggioranza dei casi prevede un intervento chirurgico condotto per via anale. Nel prolasso totale spesso l’intervento necessita un accesso addominale per via laparotomica e per via laparoscopica. Pertanto le consiglio una valutazione specialistica colon-proctologica, nell’attesa deve evitare sforzi eccessivi durante la defecazione per non peggiorare il quadro: potrebbe giovarle l’uso di lassativi osmotici (es: macrogol, PEG) per rendere le feci più morbide.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su