Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Progesterone per via vaginale nel terzo trimestre di gravidanza "

Perché viene prescritto il progesterone per via vaginale anche nel terzo trimestre di gravidanza quando c'è scritto che non va preso oltre le 12 settimane? Che funzione dovrebbe avere se il progesterone è già prodotto dalla placenta? Può avere degli effetti collaterali su chi lo assume o sul bambino?

Il progesterone dato per via vaginale in epoca avanzata della gravidanza sfrutta il suo effetto miorilassante e lo si consiglia per ridurre il rischio di parto prematuro. Non può avere effetti dannosi né su chi lo assume né sul feto. Quello somministrato in epoca precoce di gravidanza si basa invece sul suo effetto di supplemento rispetto al progesterone naturalmente prodotto per aiutare il mantenimento della gravidanza, in particolare ove vi siano condizioni di gravidanza non perfettamente regolare.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su