Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Problemi digestivi nonostante le cure"

Ho avuto problemi di digestione da quando ho assunto risperidone (sono in cura da una psichiatra) e, circa 2 mesi fa, sono andata in ospedale per una gastroscopia e il medico mi ha diagnosticato un’esofagite da reflusso per la quale mi ha prescritto magaldrato e pantoprazolo. Trascorro tutta la giornata con nausea e sensazione di pienezza, ho difficoltà a digerire e la cura è stata pressoché inutile. Che fare?

La terapia che le è stata prescritta è specifica per il trattamento dell’iperacidità che determina l’esofagite e che, nel suo caso, sembra determinata da una ipotonia del cardias, la valvola meccanica che sta tra stomaco ed esofago. In caso questa sia incapace di una buona continenza predispone al reflusso di acido dallo stomaco all’esofago creando le lesioni dell’esofagite con i relativi sintomi. Per il trattamento della malattia da reflusso vengono anche consigliate delle “norme dietetico-comportamentali”: evitare caffè, tè, menta, cioccolato, cibi ricchi di grassi; evitare bevande gassate e pasti troppo abbondanti; evitare di coricarsi subito dopo il pasto e porre spessori (10-15 cm) sotto i piedi del letto a livello della testa.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su