Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Prevenzione: quali controlli per il mesotelioma "

Guardando un reportage ieri sera mi sono davvero impaurita. I garage di casa mia sono con tetto di eternit, ma da quanto ho capito se non segato frantumato rotto eccetera non comporta rischi. Ieri sera dicevano che la prevenzione e i controlli periodici agli esposti all'amianto possono salvare la vita, ma dall'altro lato dicevano che il mesotelioma è incurabile. Ma è possibile guarire o no? Se si fanno controlli e si vede subito l'alterazione è possibile asportare il tumore o una parte del polmone e guarire?

La prima cosa che le consiglio è di far fare subito la bonifica dei tetti del garage, questo per non continuare a essere esposti, seppur in minimissima parte, a fibre di amianto. Il mesotelioma per definizione ahimè è una neoplasia molto aggressiva. Ma come per la maggior parte dei tumori, minore è lo stadio (prima viene scoperto), migliori sono le probabilità di riuscita del'intervento, anche se spesso la diagnosi di questo tumore arriva quando la malattia è gia in stadio avanzato. Quindi in alcuni casi in cui il mesotelioma viene scoperto in fase iniziale è possibile tentare un intervento eradicante, seppur abbastanza invasivo ecco perché è fondamentale fare i controlli, che hanno solitamente una cadenza annuale, mediante radiografie o tc.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su