Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Prescrizione di vaccini contro le allergie"

Sono asmatica e allergica sia agli acari sia a vari tipi di polline (betulle, nocciolo, cipresso e graminacee), inoltre ho sviluppato altre forme di allergie alimentari (soia, frutta a guscio, pesca e mela). Ho consultato due allergologi e mi hanno dato consigli differenti, il primo ritiene che io mi possa sottoporre a vaccini per più allergie insieme (acari e pollini), l'altro invece mi ha suggerito, ma non consigliato, di provare prima con il vaccino per gli acari. Le chiedo quale sia il suo orientamento e se sa spiegare il motivo di due risposte diverse.

La prescrizione di un vaccino è una combinazione tra la positività ai test cutanei/IgE specifiche e la sintomatologia riferita in termini di gravità, invalidità, persistenza. La decisione sul tipo di vaccino dipende inoltre dalla zona geografica in cui si vive in termini di concentrazione di pollini/spore, di umidità e altitudine (questi ultimi riferibili ad allergeni ambientali). Le faccio l'esempio di una paziente che soffre di rinite persistente con peggioramento in tarda primavera e abita la "bassa" pianura padana lombarda. La prescrizione vaccinica con le positività da Lei riferite ricadrebbe su un doppio vaccino per acari e graminacee, al fine di coprire gli allergeni maggiormente invalidanti a concentrazione e persistenza maggiore. È indubbio che tale trattamento copre solo una parte della patologia allergica (escludendo le sensibilità a betulla e cipresso sempre che non siano una falsa positività !!), ma almeno avremmo agito sul "cuore" della malattia.


Ha risposto D'Agostino Marco

Dagostino

Marco D'Agostino

Allergologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1995, è dal 1999 specialista in Allergologia e Immunologia Clinica e, dal 2007, in Igiene e Medicina Preventiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su