Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Polveri sottili e danni polmonari"

Sono molto preoccupata: su Internet riguardo le polveri sottili PM10, PM2, PM5 e PM0.1 ci sono scritte cose terrificanti: si dice che tutti le respiriamo perchè presenti nell'aria, nei cibi che mangiamo, nei gas di scarico delle macchine, e che sono polveri che una volta respirate si annidano nei polmoni e inducono tumori nel 90% dei casi. Dato che vivo in una città sovraffollata dove ci sono anche le centrali dell'Enel a carbone, vorrei sapere quanto di quello che viene scritto su tali polveri è vero. Quali sono le percentuali a rischio e quali i rischi reali? Come difendersi?

Il particolato, o meglio l'inquinamento ambientale, è sicuramente una delle sfide del prossimo millennio e sicuramente non fa bene alla salute in quanto provaca un'irritazione delle vie aeree inferiori; per intenderci, il meccanismo per i polmoni è simile a quello del fumo di sigarette, per intenderci il meccanismo per i polmoni e simile al fumo di sigarette, ma non è ancora paragonabile il danno da fumo di sigaretta con quello ambientale. Attulmente le evidenze scientifiche sui danni da particolato mettono in luce un aumento delle riacutizzazioni di alcune malattie croniche come asma bronchiale e boncopneumopatia cronica ostruttiva. Sull'aumentato rischio di incidenza di tumori non ci sono ancora delle certezze, ma solo supposizioni che, peraltro, riguardano sopratutto le nanoparticelle, quelle ancora piu piccole di quelle citate. Questo è quanto posso dire in proposito, poiché il resto è molto farraginoso e tutto ancora da chiarire. Certo la sua situazione non è ottimale: mi preoccuperei anche della concentrazione di piombo che può derivare dalla conbustione del carbone.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su