Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Pillola dopo il parto, quando assumerla e quando si è protetti"

Ho partorito 1 mese e mezzo fa e il mio ginecologo mi ha prescritto la pillola estroprogestinica. Mi aveva consigliato di prenderla da subito senza aspettare il primo giorno del ciclo, che ancora non è tornato, e così oggi ho preso la prima compressa. Volevo domandarle se sono protetta fin da subito o devono passare dei giorni per esserlo.

La donna che abbia recentemente partorito e non allatti puo’ assumere la pillola estroprogestinica quando siano passate almeno 3 settimane dal parto, secondo quanto consigliato dalle linee guida dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Se invece la donna allatta non vi sono controindicazioni ad assumere la pillola solo se sono passati 6 mesi dal parto, mentre nel periodo tra 6 settimane e 6 mesi vi sono controindicazioni parziali in relazione con il tipo di allattamento. Il razionale di queste limitazioni è legato al rischio tromboembolico ed alla possibilità che la pillola inibisca l’allattamento. La donna è certamente protetta dopo i primi 10 giorni di assunzione della pillola. Per quanto riguarda la pillola di solo progestinico non vi è nessuna controindicazione alla sua assunzione già subito dopo il parto, sia che la donna allatti sia che non allatti.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su