Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Paura dell'infarto a 15 anni"

Sono una ragazza di 15 anni, ho fatto tanti controlli al cuore perché mi è capitato di sentir il cuore fermarsi e poi ribattere di nuovo, semplici tachicardie. Il cardiologo non ha diagnosticato nulla, solo una semplice ansia; anche l'Holter 24h è tutto normale. Però io ho il terrore perché ieri sera, facendo sesso, avevo il battito più forte e mi sentivo lenta, questa mattina ho un'ansia grandissima perché ho paura che mi possa venire un'infarto.

Stia tranquilla! A 15 anni è estrememente raro avere problemi cardiaci e di solito sono congeniti dalla nascita, per cui lo si sa prima. Quello che ha avuto sono banali extrasistoli che hanno, dopo il battito anticipato, la pausa compensatoria per cui sembre che il cuore si fermi, ma è assolutamente normale. Nelle persone ansiose si somatizza sempre il cuore come organo bersaglio ed è molto comune questo atteggiamento! Per questi problemi basta una visita cardiologica con ecg e tutto si risolve lì; la visita e l'attenzione di un medico cardiologo e la sua "tranquillizzazione" sono risolutive come una visita dallo psicologo. Avere un infarto in età giovanile è praticamente impossibile! Ho visto in 35 anni di carriera in ospedale due infarti miocardici sotto i 25 anni: uno da cocaina (la cocaina provoca spasmo coronarico e infarti) e uno da trauma contusivo grave per incidente stradale. Per quanto riguarda l'ansia eventualmente parli con il suo medico per una blanda terapia ansiolitica.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su