Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Palloncino intragastrico, pillola e fame pesistente"

Il 10 di Aprile di quest'anno ho applicato il palloncino gastrico, in questo primo mese ho perso 7 kg, anche perché seguo comunque una dieta sana e non drastica. Adesso immagino che i prossimi chili saranno più difficili da perdere, ma ciò che non capisco è perché ho ancora fame. Con il palloncino teoricamente non dovrei. Sto assumendo la pillola anticoncezionale propio da un mese: che questo possa contribuire? Penso di diminuire o cambiare la dieta: dopo i 7 kg persi il mio fisico si è stabilizzato, mentre ne devo perdere ancora una ventina in solo 6 mesi. Che fare?

Il palloncino intragastrico è un dispositivo temporaneo che dovrebbe, mediante il riempimento parziale dello stomaco, provocare un senso di sazietà precoce dopo l’introduzione di piccole quantità di cibo, tale da indurre a mangiare meno durante il pasto. Tuttavia non inibisce completamente il senso di fame lontano dai pasti. La pillola anticoncezionale influisce sulla ritenzione idrica e sul peso corporeo, per cui sarebbe utile un parere ginecologico. Se il senso di fame persiste dovrebbe parlarne con il centro dove ha effettuato l’intervento per un controllo sul posizionamento del palloncino. Per rivedere la dieta alla luce dei suoi dubbi, è meglio affidarsi a un dietologo.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su