Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Nevo displasico, perché asportarlo"

Ho fatto una visita qualche giorno fa da una dermatologa che mi ha diagnosticato un nevo displasico di 5 mm. Mi ha detto che non è pericoloso, ma prima che lo diventi lo devo togliere così mi ha programmato l'intervento a fine mese. È possibile che un neo come il mio abbia radici profonde e che possa essere maligno? E poi è proprio necessario esportarlo?

Quando un nevo all'esame clinico presenta caratteristiche con rischi anche remoti di una sua degenerazione, come nel caso del nevo displasico, si procede in genere alla sua asportazione con relativo esame istologico per la necessaria conferma diagnostica. Data l'aggressività del melanoma è buona norma eliminare le lesioni sospette all'esame visivo, anche se poi spesso si rivelano innocue all'istologia.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su