Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Malformazione congenita all'alluce, quando intervenire"

Mio figlio, ad oggi di 4 mesi, è nato con un malformazione congenita all'alluce del piede sinistro e per questo ho richiesto consulto in due strutture sanitarie. Fatti tutti gli accertamenti del caso e stabilita la localizzazione del problema sono nel dubbio su quando eseguire l'intervento: a ridosso del periodo dei primi passi (quindi il più tardi possibile) o a breve sostenendo anche una minor presa di coscienza dell'intervento da parte del bambino. Le chiedo una parere a riguardo, evidenziando eventuali controindicazioni o consigli.

Non so di che malformazione si tratti, ma in genere i tempi dell'intervento si stabiliscono facendo un bilancio tra il ridurre i rischi operatori (più il bimbo è grande e più pesa, meno sono i rischi anestesiologici) e il tempo migliore perché il bimbo cammini a tempo debito senza difficoltà. Il bilancio deve poi essere personalizzato valutando il singolo bambino, la sua specifica malformazione, la collaborazione con la famiglia per la successiva eventuale fisioterapia. Non voglio suggerirle alcuna decisione: si affidi al centro che le è parso più serio. Anche le liste di attesa sono una variabile che bisogna tenere in conto, ma onestà vuole che, se l'attesa modifica i risultati, si avvisi la famiglia della possibilità di rivolgersi anche ad altri centri con tempi di attesa inferiori. Lo chieda pure, è un suo diritto!


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su