Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Malattia celiaca, quali esami"

Ho da più di un anno moltissimi problemi intestinali (alvo alterno, grave tensione addominale, bisogno di evacuare molte volte al giorno, muco nelle feci, cibo "non digerito" nelle feci, sanguinamento rettale, meteorismo) accompagnati da dimagrimento e spossatezza. Un gastroenterologo ha motivato i miei problemi intestinali con un semplice colon irritabile, ma non mi ha sottoposta ad alcun esame. La mia situazione proctologica intanto si è aggravata e dovrò operarmi. Alla gastroscopia il duodeno aveva l'aspetto tipico della malattia celiaca ed è stata fatta una biopsia. Il risultato dice solo duodenite cronica aspecifica. Mi è stato consigliato di approfondire con altri esami il sospetto celiachia, ma quali?

La diagnosi di malattia celiaca è una diagnosi istologica, pertanto dirimenti sono le biopsie duodenali correttamente orientate in corso di prelievo, associate a positività degli anticorpi specifici (EMA, AGA, Ab antiTG) il tutto eseguito in un periodo di dieta libera ovvero contenente glutine. Potrebbe rivolgersi a un centro specialistico per tali patologie portando con sé i vetrini della precedente biopsia duodenale per un consulto.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su