Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti

Mal di testa al volante

Già è fastidioso di per sé. Quando poi il dolore insorge mentre si sta guidando, la faccenda diventa ancora più seccante. Per fortuna è possibile eliminarlo.

Già è fastidioso di per sé. Quando poi il dolore insorge mentre si sta guidando, la faccenda diventa ancora più seccante. Per fortuna è possibile eliminarlo.

Lo sa bene chi per lavoro deve macinare ogni giorno chilometri e chilometri di autostrada. Lo stress, il traffico, la voglia di tornare a casa sono un cocktail micidiale: le tensioni nervose ci mettono poco a saltare in testa.

Ed ecco spuntare la cefalea. Soprattutto quella forma che i medici chiamano muscolo tensiva. È il mal di testa più diffuso in assoluto: si stima che rappresenti circa il 90 per cento della totalità.

Si presenta come una contrazione localizzata dei muscoli del collo accompagnata da un dolore costante e non pulsante in tutta la testa, che diventa più forte se si fa pressione sui muscoli tesi.

È tipica di chi fa una vita sedentaria. Al punto che spesso basta praticare un po’ di attività fisica regolare, almeno tre volte alla settimana, per ridurre notevolmente la sua comparsa.

Una sosta ogni due ore

La voglia di arrivare è tanta e soltanto all’idea di fermarsi a un autogrill la maggior parte di noi alza le spalle e tira dritto. Nei viaggi brevi può anche funzionare, ma su quelli lunghi è sbagliatissimo.

Fermarsi almeno ogni due ore di guida, scendere dall’auto, sgranchire le gambe e rilassare i muscoli delle spalle e del collo è il modo migliore non soltanto per evitare i micidiali colpi di sonno, ma anche per prevenire il mal di testa.

Secondo gli esperti infatti una delle possibili cause della cefalea muscolo tensiva è proprio lo stare per lungo tempo in una postura scomoda, che obbliga i muscoli di collo, spalle e braccia a restare contratti in modo innaturale.

Fermare il dolore senz’acqua

Detto ciò, tuttavia, ci sono situazioni in cui fermarsi è impossibile. Vuoi perché si deve andare a un appuntamento di lavoro e c’è un traffico terribile. Vuoi perché non ci sono autogrill per almeno altri 50 chilometri.

Prendere un antinfiammatorio non steroideo (Fans) quando il mal di testa comincia a farsi sentire è molto meglio che aspettare. E questo lo sa bene chi ne soffre di frequente. Ma in certe situazione è difficile avere un bicchiere d’acqua a portata di mano.

Per fortuna oggi esistono Fans formulati in modo che si possano assumere senz’acqua. Sono quelli sotto forma di granuli, da sciogliere sotto la lingua.

Fanno effetto rapidamente e consentono di stroncare sul nascere il mal di testa in tutte quelle situazioni, come la guida, in cui non è possibile reperire l’acqua per mandare giù la compressa.

Leggi il dossier MAL DI TESTA



Quanto hai trovato interessante questo articolo?
 

Articolo scritto da:
CONSULTA IL DOSSIER "MAL DI TESTA"
VIDEO

Mal di testa: le mosse giuste per mandarlo via

Foto corrado giua

Consigli utili sull'uso dei farmaci analgesici. Intervista al farmacologo Corrado Giua.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su