Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Lavarsi solo con acqua"

Ho da poco scoperto che alcuni dermatologi consigliano di lavarsi le ascelle solo con acqua (senza utilizzare alcun tipo di detergente) per prevenire l'insorgenza del cattivo odore. Se è corretto, può spiegarmi come possa avvenire? Inoltre, se fosse efficace il lavaggio con sola acqua nella zona ascellare, non sarebbe efficace, a maggior ragione, per tutto il resto del corpo? Non si rischia di contrarre dermatiti o altro senza l'utilizzo giornaliero di un sapone che per la sua composizione consente di asportare la parte idrofobica dello sporco?

Il sudore è composto prevalentemente da acqua, per cui è verosimile che una semplice abluzione acquosa riesca a rimuovere gran parte di questa secrezione a livello ascellare, comprese le sostanze "odorose" in essa presenti. La superficie cutanea è ricoperta da una miscela di acqua proveniente dalle ghiandole sudoripare e di grassi che compongono il sebo. Questo film idrolipidico è importante per la protezione e la difesa della cute. La detersione deve rispettare la leggera acidità cutanea e lasciare alla pelle il tempo di riformare questo strato protettivo. La pulizia si può effettuare in vari modi, non solo tramite i saponi. Bisogna anche considerare il clima, il tipo di attività lavorativa, le caratteristiche individuali delle secrezioni cutanee ed eventuali patologie intercorrenti.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su