Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Latte vaccino di notte ogni 3-4 ore"

Ho una bimba di 12 mesi e 15 giorni, nonostata mangi pranzo e cena, dalle nove di sera per tutta la notte fa la poppata di 180 ml latte ogni 3/4 ore. Consuma così più di 700 ml di latte vaccino intero fresco. Le ho dato esclusivamente latte materno fino ad 11 mesi (in bottiglia non al seno perché non ha succhiato) per un mese ho integrato con latte di proseguimento e al compimento dell'anno le ho dato latte vaccino fresco intero. Non è che tutto questo latte intero vaccino le fa male? È normale che mangi ancora ogni 3/4 ore?

Un biberon da 180 ml di latte vaccino ogni 3/4 ore è un po' tanto. Se pranzo e cena sono adeguati e sostanziosi, il latte vaccino dovrebbe essere proposto solo a colazione al mattino, ogni tanto a qualche merenda pomeridiana. Di notte è eccessivo. È un alimento molto ricco di proteine e grassi, che potrebbe anche disturbare il sonno. Anche per la salute dei denti non è corretto mangiare o succhiare così spesso. I risvegli frequenti sono ancora normali a 12 mesi, ma sarebbe meglio provare a calmare la bimba e aiutarla a riaddormentarsi senza un sovraccarico alimentare. Chieda consiglio al suo pediatra, la valutazione del peso, dell'altezza e dello stato generale della bimba, sono importanti per capire se la sua richiesta di poppate frequenti è realmente un segnale di fame - che potrebbe essere anche la spia di qualche altro disturbo - o solo una consolazione.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su