RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Lacerazione del frenulo al primo rapporto"

Sono un ragazzo di 18 anni. Due giorni fa ho avuto il mio primo rapporto completo con la mia ragazza. È andato tutto bene però ieri mattina mi sono accorto di avere una leggera lacerazione del frenulo che mi provoca molto dolore, anche nell'atto della minzione. Vorrei chiedere se è normale avere questa lacerazione in seguito al primo rapporto sessuale e quali sono i tempi per la guarigione. Eventualmente, quanto tempo è consigliato aspettare per avere successivi rapporti?

La lacerazione del frenulo durante il rapporto sessuale non è un evento infrequente. Esso può essere dovuto semplicemente allo stress meccanico che si verifica durante la penetrazione, magari in caso di una lubrificazione vaginale non ottimale. Se la lesione è di piccola entità e non dà sanguinamento, oppure solo una sanguinamento di breve durata facilmente arrestabile tamponando la ferita, l'unica cosa da fare è tenere la ferita ben pulita e disinfettata, evitando rapporti per 2 o 3 settimane. Il dolore passerà gradualmente e la guarigione avverrà spontaneamente nell'arco di un paio di settimane. Al contrario, se la ferita dovesse provocare un abbondante e prolungato sanguinamento, è consigliabile rivolgersi a un pronto soccorso. Se la lacerazione del frenulo dovesse verificarsi in maniera ricorrente, è invece consigliabile rivolgersi a uno specialista in urologia. Infatti la lacerazione del frenulo può essere dovuta a una eccessiva brevità dello stesso che può essere corretta con un piccolo intervento chirurgico attuabile in regime ambulatoriale.


Ha risposto Maggi Mario

Fotomggi

Mario Maggi

Andrologo e sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Firenze, si è specializzato in Endocrinologia nel medesimo Ateneo. Dal 2005, è Direttore S.O.D. Medicina della Sessualità e Andrologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su