Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"La gravidanza in donne obese"

Sono alla seconda gravidanza (sei settimane) e sono obesa; la mia ginecologa mi ha detto di stare tranquilla, ma dato che 6 mesi fa ho avuto un aborto spontaneo ho paura che il problema sia io e che possa riaccadere. In più ho letto che per le donne incinte obese c'è più rischio di bambini nati morti o sottopeso e che io potrei avere brutte conseguenze. Posso avere una minima percentuale di speranza che vada tutto bene?

Che l’incidenza di patologie della gravidanza sia maggiore nelle donne obese è un dato di fatto. Aumentano l’ipertensione, i rischi di aborto e di malformazioni, le difficoltà meccaniche al parto e altro ancora. Dunque un controllo del peso in gravidanza è fondamentale, ma sarebbe prioritario programmare la riduzione del peso già prima della gravidanza. Si tratta comunque sempre di percentuali modeste della popolazione di donne gravide.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su