Pubblicità

La febbre va abbassata sempre, anche se è poca?

La febbre è un sintomo che può derivare da molteplici condizioni che dovrebbero essere identificate prima di intraprendere qualsiasi misura. Le cause più frequenti sono comunque rappresentate da infezioni virali o batteriche e il rialzo di temperatura fa parte dei meccanismi di difesa che il nostro corpo mette in atto per combattere meglio i microbi. Perciò se la febbre non è troppo elevata e se non causa troppo disagio, nella maggior parte dei casi non è necessario abbassarla farmacologicamente. Esistono però situazioni alle quali si deve porre attenzione. Per esempio nei bambini che soffrono di convulsioni la febbre va sempre abbassata con antipiretici come il paracetamolo. Si deve poi tenere presente che una temperatura al di sopra dei 38 gradi e mezzo nei bambini piccoli o sopra i 40 nei bambini in età scolare richiede sempre l’attenzione del medico, così come è sempre necessario chiamare il pediatra per i bambini sotto i tre mesi, anche in caso di febbre lieve.

Nota per il visitatore

In questa “farmacia virtuale” si trovano le risposte ai quesiti più frequentemente posti dal pubblico ai farmacisti. La correttezza dei contenuti scientifici è validata dalla supervisione di un pool di farmacisti, coordinato dalla Dottoressa Susanna Trave.

Questo servizio ha puro scopo informativo e in nessun caso può costituire la prescrizione di un trattamento, né sostituire il rapporto diretto con il proprio medico curante o una visita specialistica. Per approfondire gli argomenti e per avere risposte mirate a risolvere i vostri specifici problemi si consiglia di chiedere al farmacista di fiducia.

L’allestimento di questa “farmacia virtuale” è realizzato, in ottica di category management, in collaborazione con Bayer Consumer Health.

Torna su