RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Interruzione della pillola e ciclo anomalo"

Questo mese mi è venuto due volte il ciclo e prendendo la pillola non credo sia normale. Ho dovuto fare un esame giorni fa e sospendere l'anticoncezionale per 7 giorni, quando l'ho interrotta mi è venuto il ciclo e nel riprenderla dopo una settimana mi è tornato.

Per una valutazione più precisa sarebbe opportuno conoscere almeno l’età della donna, se ha avuto o meno figli, il tipo di pillola, il tipo di esame eseguito tale da implicare la sospensione della pillola. Se la pillola è quella cosiddetta 21 + 7, la mestruazione viene solitamente alla sospensione dell’assunzione ormonale, cioè nei sette giorni di pausa. Se la pillola ha una struttura diversa, 26 + 2 oppure 24 + 4, comunque solitamente la mestruazione compare alla sospensione del farmaco. Quando invece la donna è costretta per una qualche ragione a interrompere la regolare assunzione della pillola in un qualunque momento del ciclo, è perfino ovvio che venga comunque una pseudo mestruazione, la quale può poi anche ripresentarsi per una serie di ragioni, che possono essere collegate al mal assorbimento o all’iper consumo della pillola, come ad esempio lo stress per una indagine diagnostica, l’uso di qualche farmaco di tipo antibiotico od altro ancora. Il fenomeno capitato di per sé non ha nessun valore clinico, e il ciclo presumibilmente si restaurerà regolarmente con la prossima confezione della pillola. Se il fenomeno di un ciclo abbondante e anticipato si ripresentasse può avere senso scegliere di passare dalla pillola al sistema intrauterino al levonorgestrel.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su