RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Integratori a base di caralluma"

Ho 35 anni e sono una mamma di una bimba di quattro. Soffro di ansia e ipertensione e sono sempre stata in sovrappeso, ma dopo la gravidanza ho superato di gran lunga il mio peso ideale. Ormai è da due mesi che seguo una dieta equilibrata con pochi carboidrati, niente grassi e niente zuccheri. Faccio una camminata a passo veloce di mezz'ora o poco più al giorno. Sono riuscita a perdere una decina di chili ma la fame ansiosa mi mette a dura prova tutti i giorni. Mi hanno consigliato di prendere le pillole naturali a base di caralluma, che attenuano la fame e aiutano a perdere peso. Lei cosa ne pensa? E' vero che non hanno delle controindicazioni? La mia paura è che contengano degli eccitanti.

Le consiglio di non prendere quel prodotto, perchè non è fabbricato secondo le regole faremaceutiche per cui potrebbe contenere inquinanti o quant'altro. Invece penso che le potrebbe essere utile questa cura: glucomannano come polvere micronizzata titolata in indice di gonfiamento minimo 80% alla dose di 2 capsule 1 ora prima di pranzo e 2 capsule 1 ora prima di cena, da ingerire con circa mezzo litro di acqua + Tè verde come estratto secco titolato in polifenoli totali minimo 10% alla dose di 1 capsula al mattino al risveglio e 1 capsula nel tardo pomeriggio a stomaco vuoto. Faccia questa cura a cicli di 3 mesi sì e 1 mese no e continui la dieta e un intenso movimento fisico.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su