Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Insufficienza aortica"

Ho 23 anni e un mese fa ho effettuato una visita dal cardiologo, a parte il soffio innocente che ho da sempre mi dice che va tutto bene,pressione 122/66,e mi invita per scrupolo a fare un'ecografia.Fatta quest'ultima salta fuori una lieve insufficienza aortica! Il cardiologo ha detto che è emodinamicamente non rilevante e sostiene che posso sostenere qualunque sport, giusto per sicurezza fare un'eco ogni anno. Il punto è che io pratico pugilato a livello agonistico, la settimana scorsa, come ogni anno mi sono recato dal medico sportivo ed ho effettuato l'ecg sotto sforzo, il medico mi ha rilasciato l'idoneità sostenendo che il mio cuore è perfetto. Sono abbastanza tranquillo ma ho delle domande: 1)Come è possibile che sia saltato fuori questo disturbo se una decina d'anni fa non risultò niente dall'holter e l'eco? 2)Cosa devo fare per migliorare o non far peggiorare questa patologia? 3)E' vero che l'intensa attività a lungo termine peggiora la salute cardiaca?

  1. un soffio innocente può essere documentato meglio a volte come un'insufficienza aortica o mitralica lieve con gli apperecchi moderni che hanno una risoluzione eccezionale del segnale doppler, ma non è patologia, va bene un controllo periodico ma nessuna limitazione, infatti ha già superato una visita cardiologica e di medicina della sport 2.non è una patologia e non peggiora, va controllata annualmente dal cardiologo e dal medico della sport solo per il periodo sportivo agonistico.
  2. sì è vero ma se uno sportivo finisce l'attività agonistica come logico sui 35 anni circa non ci sono problemi, non va bene l'attività fisica intensa agonistica dopo i 50 anni ma è comune buon senso.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su