Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Indicazioni alla colecistectomia "

Da circa un anno e mezzo ho diversi calcoli alla colecisti, il maggiore dei quali, secondo l'ultima ecografia, s'è ridoto da 1,5 cm a circa 1,2 cm. Sono tutti asintomatici. Sto effettuando da allora una terapia farmacologica a base di acido ursodesossicolico e Silimarina e SAMe. Mi sento decisamente bene, ma diversi medici mi consigliano vivamente di effettuare la colecistectomia per evitare possibili complicazioni future, come ad esempio, la pancreatite. Lei cosa consiglierebbe?

Dal mio punto di vista le posso fornire i mezzi per prendere una decisione, che riguarda la sua salute. La indicazione alla colecistectomia viene posta sulla base della presenza di calcoli alla colecisti sintomatici, in condizione di recidiva di colica biliare, dato che a lungo andare oltre alla possibilità di ingrandimento del calcolo, c’è il rischio di una grave complicanza come la pancreatite in caso di incuneamento del calcolo nella via biliare principale. Altro motivo per cui è consigliata la colecistectomia in caso di colica biliare recidivante è il continuo stimolo irritativo che può perpetuare l’infezione della colecisti e predisporre alla trasformazione displastica della mucosa.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su