Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Inappetenza temporanea a due mesi di vita"

Sono la mamma di un bambino di 2 mesi che, da circa due settimane, fa fatica a mangiare. Io non allatto più, inizialmente beveva circa 120 ml di latte ogni poppata ogni 3 ore adesso dopo 4/5 ore se riesce a bere 60 ml è già tanto; sono stata più volte dal pediatra, abbiamo cambiato circa 6 tipi di latte (compreso quello di soia) abbiamo cambiato tettarelle del biberon, ma nulla da fare. In una settimana ha perso 90 g del suo peso. Sicuramente incide il fatto che sia raffreddato, ma adesso non so come comportarmi.

Le malattie da raffreddamento spesso provocano inappetenza nei più piccini, a volte anche con perdita di peso. La situazione dovrebbe risolversi a breve, con una ripresa dell'appetito e un recupero del peso. Altrimenti è meglio fare qualche approfondimento in più. Ad esempio indagare che non ci siano infezioni alle vie urinarie o intolleranze alimentari. Cambiare latte senza indicazioni precise serve a poco, come ha visto anche lei. Nel caso si decidesse per questa strada, perché la situazione lo suggerisce, bisogna darsi un attimo di tempo per vedere i risultati. Almeno 1 settimana per vedere un cambiamento. Sei tipi di latte diversi in due settimane sono un po' tanti, si rischia di fare confusione.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su