Pubblicità

Il primo bagnetto si fa così

Momento di coccole e carezze, è un rituale quotidiano per mamma e bambino.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
bagnetto neonato consigli

Momento di coccole e carezze, il bagnetto del neonato è un rituale quotidiano. Da celebrare in completo relax, per il benessere di mamma e bambino.

In genere, il primo bagnetto è un appuntamento che, come tutte le prime volte, può creare un po’ d’ansia. Come affrontarlo fin dall’inizio nel modo migliore?

L’ora, il luogo e la temperatura giusta

Durante la bella stagione, anche al mattino. Ma il bagnetto aiuta senz’altro a concludere in relax la giornata.

Verso sera, quindi, prima dell’ultimo pasto: il bimbo, grazie al tepore dell’acqua e alle attenzioni materne durante tutte le operazioni di pulizia, sarà più tranquillo e potrà addormentarsi serenamente.

Il luogo ideale è il bagno, dove è possibile infilare la vaschetta del pupo nella vasca.

Questa soluzione, però, comporta che la mamma stia in ginocchio o seduta sul bordo.

Ma il bagnetto può trasformarsi in un’occasione per un surplus di coccole: a fine giornata, sarà un piacere anche per la mamma fare il bagno con il bambino, insieme nella vasca di casa.

È buona norma mettere sul fondo un tappetino in gomma antiscivolo.

La temperatura dell’ambiente deve essere intorno ai 20°/22° gradi, circa 35°/37° per l’acqua.

Si può misurare con il termometro adatto, ma val la pena imparare a testarla direttamente: basta immergere il proprio braccio per capire se l’acqua è troppo fredda o troppo calda.

Attenzione: la pelle del neonato è talmente delicata che una temperatura per noi sopportabile può ustionarlo.

E se il bagnetto non gli piace? Meglio non insistere e riprovare dopo qualche giorno, avendo l’accortezza di parlargli dolcemente, cantare una filastrocca, raccontare una storiella, accompagnando ogni gesto con un sorriso.

Bello e pulito

Il metodo più sicuro per lavare il bimbo consiste nell’adagiarlo nell’acqua sorreggendogli la testolina con una mano tenuta dietro la nuca e insaponandolo con l’altra, tralasciando il viso.

È quindi ovvio che tutto l’occorrente deve essere sempre a portata di mano.

Il bimbo non sarà in grado di stare seduto fino ai 6 mesi circa, e anche allora l’attenzione dovrà essere sempre massima: mai, mai lasciarlo da solo nell’acqua, i rischi sono troppi.

Bene quindi prepararsi a quest’operazione quotidiana badando soprattutto alla praticità e alla sicurezza.

Da tenere a portata di mano

  • Asciugamani di spugna morbidi e, se si cambia il bimbo nella stessa stanza, per evitare bruschi sbalzi di temperatura, crema protettiva per il sederino, pannolino e pigiamino.
  • Il detergente: deve essere delicato, adatto alle pelle dei bambini, possibilmente non troppo schiumogeno e privo di profumo. L’ideale è un prodotto specifico per la primissima infanzia, contenente sostanze idratanti e protettive dell’epidermide, per esempio a base di Pantenolo, che ha il pregio di prevenire le irritazioni cutanee. Si tratta di una provitamina, la B5, che agisce creando una barriera protettiva tra la pelle del bebè e gli agenti irritanti esterni e, inoltre, favorisce la naturale rigenerazione cutanea. È meglio non usare il talco, la sua polvere leggerissima può venire inalata dal bambino.

Come lavare quelle testoline?

Lisci, ricci o a zero? Dalla nascita all’anno di vita la capigliatura dei bambini si può modificare più volte. Ci sono bimbi che nascono con i capelli già lunghi, altri che sono glabri: tutti avranno comunque altri capelli nel giro di qualche mese. Ecco come comportarsi:

  • I primi tempi è preferibile evitare di bagnare completamente la testa del bimbo, è sufficiente lavarla con una spugnetta morbida inumidita.
  • Quando si decide di usare lo shampoo, deve trattarsi di un prodotto formulato appositamente per la primissima infanzia.
  • Se compare la crosta lattea si può utilizzare un olio specifico, da massaggiare delicatamente sulla testa.

Shamiran Zadnich

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Battaglioli1 Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Eritemi da pannolino: cure e rimedi

Pelle neonati eritemi consigli

Per prevenire l'insorgenza degli eritemi nella zona del pannolino si devono seguire alcune semplici regole di igiene e scegliere i prodotti giusti.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Pantenolo, vitamina multitasking

  • Fotolia 40613763 s

    Sederini arrossati, no problem

    Se affrontate per tempo, le irritazioni da pannolino, chiamate anche dermatiti, si possono risolvere senza problemi. Il pantenolo è dotato di attività rigenerante e lenitiva dell'epidermide. In pratica, non soltanto previene gli arrossamenti, ma allevia i sintomi quando il sederino è già irritato e favorisce il naturale processo di rigenerazione dell'epidermide.

  • Fotolia 50527591 s

    Scottature solari

    Irritata, arrossata e sensibile: così appare la pelle dopo una giornatadi mare. Alla sera, una crema a base di pantenolo aiuta, da un lato, a raffreddare e a lenire il fastidio provocato dalla piccola ustione e, dall’altro, a prevenire ulteriori danni al tessuto cutaneo. Anche in questo caso, la provitamina idrata e favorisce il naturale processo di rigenerazione della cute.

  • Fotolia 42637730 s

    Anti-smagliature in gravidanza

    Dopo nove mesi con il pancione ci si può scoprire a fare i conti con le smagliature della pelle. Per questo è importante, dai primi mesi e fin dopo il parto, applicare creme a base di pantenolo: migliorano l’elasticità della pelle e aiutano a ridurre la comparsa delle smagliature.

  • Fotolia 51649704 s

    Protezione del seno

    Allattare è un’esperienza meravigliosa. A patto che non lasci brutti ricordi intorno al capezzolo. In caso di arrossamenti e irritazioni, si possono usare creme a base di pantenolo: vanno applicate dopo ogni poppata, avendo cura di detergere accuratamente le mammelle prima della poppata successiva.

  • Fotolia 52541674 s

    Tatuaggi, che passione

    È un uso non ufficiale del pantenolo, ma sui siti di settore e nei blog se ne parla molto. In pratica, dopo aver fatto un tatuaggio, la pelle appare arrossata e irritata. In molti hanno visto che applicando una crema a base di pantenolo il disturbo guarisce più in fretta. Non esistono però prove scientifiche di questo utilizzo. Per cui è sempre bene chiedere un parere al medico o al farmacista prima di applicarlo.

  • Fotolia 48015407 s

    Naso raffreddato, pelle irritata

    Dopo un raffreddore non è raro ritrovarsi con la pelle del naso e del labbro superiore arrossata e screpolata. In questi casi può aiutare l’applicazione di creme contenenti pantenolo che, in virtù delle sue proprietà lenitive e rigenerative della cute, manda via il fastidio in poco tempo.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE E BENESSERE
Torna su