Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"I rischi di una vita sedentaria"

Vorrei sapere a quali malattie si può andare incontro con una vita sedentaria. Non scrivo per me che pratico attività fisica ma sono un po’ preoccupata per mia sorella, mia madre e mio padre che fanno una vita sedentaria perché sono molto pigri. Non posso spingerli io a fare qualcosa, ci ho gia provato ma senza successo e l’unica consolazione è che non ci sia rischio per la loro salute.

La vita assolutamente sedentaria espone l’organismo a una serie di problemi e disturbi che ricadono prima o poi sul benessere psicofisico generale. Ne soffrono per primi l’apparato muscolare e cardiocircolatorio, seguiti da quello respiratorio e via di seguito fino ad arrivare a dolori articolari diffusi, incapacità a sostenere qualsiasi sforzo, anche se lieve, e aumento di peso eccessivo. Smettono, infine, di funzionare anche l’intestino e i reni. Una condizione di generale scadimento delle funzioni vitali dalla quale è poi molto difficile ritornare al benessere. L’organismo umano ha bisogno, per restare in salute, di movimento, di acqua, di respirare all'aria aperta, oltre che di cibo. E di sentirsi magari stanchi dopo una passeggiata, ma felici di averla fatta. Provi a spiegarlo ai suoi.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su