Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Gravidanza in caso di utero bicorne"

Ho 25 anni e, in seguito a un'ecografia, ho scoperto avere un utero bicorne causa di ematometra di circa 3 cm che è stato drenato tramite isteroscopia. Purtroppo il coagulo si è riformato dopo due mesi. Come terapia mi è stata prescritta la pillola anticoncezionale per ridurre il flusso e quindi anche la quantità di sangue che potrebbe raccogliersi. Il ginecologo mi ha sconsigliato di eliminare il corno rudimentario per evitare eventuali cicatrici all'utero. Vorrei chiederle: se decidessi di avere una gravidanza, l'ematometra può rappresentare un problema? È in questo caso dovrebbe essere drenato una seconda volta? E l’utero bicorne?

L’utero bicorne è una malformazione uterina relativamente frequente, di cui talvolta la donna si accorge a parto avvenuto perché eseguito con taglio cesareo. È conseguenza di una non corretta fusione dei due emiuteri a livello embrionale. In realtà le conseguenze ostetriche più frequenti di questa anomalia sono l’aborto spontaneo e la minaccia di parto prematuro. In ogni caso l’entità dei problemi è correlata con la dimensione dei singoli corni. Se uno dei due fosse rudimentale probabilmente l’influenza sulla gravidanza è minima. Se i due corni sono ugualmente sviluppati risulta frequente la posizione podalica del feto, che potrebbe portare a minaccia di parto prematuro e alla necessità di ricorrere a farmaci beta mimetici o a cerchiaggio cervicale. Alla luce di queste considerazioni è difficile fare previsioni sull’andamento della gravidanza, che comunque nella gran parte dei casi procede almeno fino a epoca di vitalità adeguata del feto.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su