Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Gonfiore addominale: quali indagini fare"

Sono un ragazzo di 24 anni. Pratico regolarmente attività sportiva da quando avevo 6 anni e non ho mai avuto problemi a livello gastrointestinale. Qualche giorno fa camminando ho accusato una sensazione come se l'ombelico venisse in fuori (di circa 2-3 millimetri) però non ho avvertito né dolore, né fastidio. Nei giorni successivi ho avvertito un gonfiore addominale, sempre senza dolore. Comincio a credere possa essere qualche intolleranza. Volevo chiederle se questo gonfiore a livello degli addominali bassi può essere dovuto a una qualche intolleranza (lattosio, glutine) e nel caso vorrei sapere in che modo posso domandare all'ospedale per una prova di celiachia.

Il gonfiore addominale è un sintomo che di per sé è piuttosto aspecifico, non è indicativo, da solo, di intolleranze alimentari. Può invece essere correlato a un eventuale dismicrobismo intestinale o alla dieta. Prima di inoltrarsi in specifico nelle indagini per la ricerca di malattia celiaca o malassorbimento di lattosio, ritengo più utile una visita specialistica gastroenterologia in modo da indirizze con criterio le indagini da eseguire.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su