Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Globo vescicale in gravidanza"

Volevo capire se il mio è un problema che si presenta spesso in gravidanza. Dopo due volte che mi sono recata al pronto soccorso per dolori forti al basso ventre nelle prime 12 settimane di gravidanza e in entrambi i casi mi è stato riscontrato un globo vescicale e mi è stato applicato un catetere con drenaggio di 1200 ml la prima volta e 3000 ml la seconda, mi sono recata da un urologo che dopo una valutazione mi ha consigliato di praticare autocateterismo intermittente 3 volte al giorno. La mia domanda è se posso in qualche modo danneggiare il feto con magari infezioni di qualche tipo.

La presenza di un globo vescicale per un blocco della funzione minzionale è una condizione osservata qualche volta in gravidanza. Le sue cause possono essere un ostacolato flusso nell’uretra per presenza di polipi, malformazioni o distorsioni del canale uretrale, oppure la presenza di grossi fecalomi (massa dura di feci accumulatasi nell’intestino), oppure ancora lunghe permanenze a letto. Talora la causa è un prolasso genitale. La soluzione comunemente adottata è quella di cateterizzare la vescica, e di consigliare eventualmente l’autocateterismo ad intermittenza. Solitamente il problema scompare con il progredire della gravidanza. Se l’autocateterismo viene condotto in modo corretto, seguendo tutte le procedure consigliate, è molto difficile che possa indurre infezioni in grado di danneggiare il feto.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su