Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Fioterapia contro la fame nervosa e la ritenzione"

Sono una ragazza di 30 anni, il mio problema è il sovrappeso, sto facendo una dieta, ma non riesco ad arrivare alla fine della terza settimana perché mi viene una gran fame nervosa e devo mangiare di tutto. Ho letto che lei ha sconsigliato le bacche di caralluma vorrei chiederle un consiglio per un prodotto che mi faccia passare la fame nervosa e mi aiuti a eliminare i liquidi, perché oltre al problema di circolazione ho anche il problema della ritenzione idrica.

Per dimagrire la dieta ipocalorica bilanciata e ben fatta è indispensabile ed è la base di qualunque programma dimagrante. La seconda cosa come importanza è una buona attività fisica, che permette di bruciare meglio le calorie in eccesso. Al terzo posto ci sono i prodotti naturali che possono aiutare il dimagrimento. Io consiglio: Glucomannano polvere titolata in indice di gonfiamento minimo 80% 2-3 capsule da circa 500 mg ciascuna da prendere circa 1 ora prima dei due pasti principali, da ingerire con almeno 1/4 di litro di acqua per favorirne il gonfiamento nello stomaco, più tè verde estratto secco titolato in polifenoli totali minimo 10% alla dose di 1 capsula da circa 200 mg al mattino al risveglio, 1 capsula ore 16 e 1 capsula ore 21-22. Continui questa cura per almeno 2 mesi.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su