Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Fibrillazione atriale: recidive dopo ablazione"

Ho 59 anni e pratico sport (gare di mezzofondo/fondo) da 30 anni. Due anni fa a una normale visita per idoneità sportiva mi è stata trovata una fibrillazione atriale, trattata quindi con farmaci. Non avendo avuto riscontri positivi il 18 ottobre scorso ho fatto ablazione. Da allora ho già avuto due recidive durate entrambe una giornata e passate entrambe dopo aver fatto 50' di corsa circa. L'aritmologo che mi ha operato mi dice che è normale avere recidive dopo operazione. È vero? Va bene che io le tenga sotto controllo con la corsa?

Sì, è normale avere recidive dopo ablazione, ma non cosi presto (è passato un mese se non ho capito male dall'intervento). L'importante è avere una terapia profilattica antiaritmica e valutare il rischio embolico con gli score appropriati e quindi valutare la terapia antiacogulante orale in cronico; per l'interruzione della fibrillazione atriale durante la corsa avrei qualche dubbio, l'interruzione era sicuramente casuale, per un po' non farei gare né allenamenti, vista anche la stagione.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su