Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Fattori pre concepimento che influenzano il sesso del nascituro"

È vero o è solo leggenda metropolitana che è possibile concepire una femmina avendo rapporti prima dell'ovulazione favorendo così gli spermatozoi X, che sono per forma e velocità diversi da quelli Y? Io e mio marito abbiamo 4 figli maschi che amiamo, ma a entrambi sarebbe piaciuta una femminuccia! O, magari, con un esame dello sperma si potrebbe vedere se mio marito effettivamente ha solo spermatozoi portatori del cromosoma Y?

Vi sono alcuni studi che hanno cercato di individuare il momento più opportuno per avere rapporti sessuali a seconda che si desideri un maschio o una femmina. Ma in realtà i risultati sono piuttosto deludenti. Tra i tanti, gli scienziati americani Landrum B. Shettles e David M. Rorvik, dell'università di Harvard, hanno cercato di ragionare sul momento della ovulazione (più vicino alla ovulazione più probabilità di maschio; subito dopo l’ovulazione porebbe essere femmina), ma anche su altri fattori quali l’inizio dell’orgasmo della donna (se comincia prima dell’uomo è più probabile un maschio) o l’astinenza prerapporto (se dura almeno 4-7 giorni sarebbe più probabile un maschio), e altri fattori ancora. Altri autori hanno valutato il tipo di alimentazione o la posizione nel rapporto. Come si capisce gli elementi che entrerebbero in gioco sono tanti e difficilmente controllabili.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su