Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ematomi alla braccia dopo angioplastica"

Sono un uomo di 48 anni. Cinque mesi fa ho avuto un infarto e sono stato sottoposto ad angioplastica con impianto di uno stent metallico. Da allora prendo il clopidogrel e acido acetilsalicilico dopo pranzo. Per 4 mesi non ho avuto nessun effetto collaterale, ma poi ho cominciato a notare degli ematomi nelle braccia che vanno e vengono. Leggendo gli effetti collaterali del farmaco credo che siano provocati proprio dal farmaco. Vorrei sapere se può essere come penso e se questi ematomi possono portare conseguenze pericolose e, perciò, è il caso di cambiare farmaco.

Durante terapia con doppio antiaggregante gli ematomi sono comuni, soprattutto alle braccia e in estate. Sono dovuti a micro traumi perché le braccia sono scoperte e poi esposte, ma non è un problema: basta usare le maniche lunghe. Non necessitano di terapia; eventualmente si può mettere un po' di ghiaccio sull'ematoma stesso per pochi minuti. Non deve assolutamente sospendere il farmaco per rischio di trombosi dello stent.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su