Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"È possibile ritardare la menopausa?"

Come si può ritardare la menopausa? Quali cure fitoterapiche si possono fare?

La menopausa è un fenomeno fisiologico che avviene in media attorno ai 50 anni in conseguenza della cessazione di produzione degli ormoni ovarici e delle mestruazioni, ed è tale quando le mestruazioni non vengono più da almeno 12 mesi. Alcuni elementi possono influenzare il fenomeno, in particolare anticipandolo, come ad esempio la genetica o il fumo di sigaretta. Ma per quanto è oggi noto non ci sono modalità, né farmaci né altro, capaci di ritardarne la venuta in modo sostanziale. Tantomeno la fitoterapia, che può al massimo limare alcuni sintomi. Semmai, consapevoli di quanto detto, è opportuno che la donna si prepari psicologicamente a questo passaggio della vita con una serie di atteggiamenti positivi. Non considerarsi vecchia, continuare una vita di relazione, mantenersi degli hobby, fare movimento, fare cose piacevoli (giardinaggio, la maglia, giocare a carte ecc.). Ovviamente vi possono essere dei trattamenti ormonali, la cosiddetta terapia ormonale sostitutiva, che possono prolungare la scenografia della mestruazione ed in alcuni casi limitare i problemi che alla menopausa si legano, nell’immediato, come le vampate di calore, la difficoltà di concentrazione, l’insonnia, o più avanti come i disturbi urinari e poi ancora l’osteoporosi. Ma nulla può fermare in nostro orologio biologico, che ha per ognuno di noi scadenze prederminate.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su