RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Disfunzione erettile, cause e cure"

Vorrei avere qualche delucidazione sulla disfunzione erettile. Io sapevo che è una malattia della terza età, ma un amico, assai giovane, mi ha raccontato che lui ha questo problema da qualche tempo. Allora può venire anche prima dei 40 anni? Quali sono le cause? È un disturbo passeggero o necessita di cure per sempre?

La disfunzione erettile è la causa più frequente di disfunzione sessuale nel maschio. Le cause possono essere principalmente di tre tipi: organiche, intrapsichiche e relazionali. Difficilmente una singola causa è alla base del disturbo, ma tutte e tre generalmente possono influenzarsi l'un l'altra. Non esiste un'età di insorgenza vera e propria, ma la frequenza aumenta con l'aumentare dell'età e le cause prevalenti sono diverse in base alla fascia di età: in genere nei soggetti più giovani prevalgono le cause psicologica e relazionale, mentre nei soggetti più vecchi quelle organiche (malattie del cuore, diabete mellito, ipogonadismo, patologia croniche ecc.). La terapia della disfunzione erettile è mirata a trattare le cause che l'hanno determinata. Possiamo modificare i fattori di rischio predisponenti nello stile di vita cessando il fumo, seguendo una dieta adeguata e facendo esercizio fisico. Ci possiamo avvalere anche di farmaci indicati nel trattamento della disfunzione erettile, ma anche di una terapia sessuale comportamentale nei casi che lo necessitano.


Ha risposto Maggi Mario

Fotomggi

Mario Maggi

Andrologo e sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Firenze, si è specializzato in Endocrinologia nel medesimo Ateneo. Dal 2005, è Direttore S.O.D. Medicina della Sessualità e Andrologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su